La risposta semplice: “probabilmente”.

Il fatto è che non c’è modo di sapere con certezza, affermano gli esperti, nemmeno in Europa, che si è avvicinata al divieto della clonazione del bestiame che in qualsiasi altra parte del mondo.

Con la possibile eccezione dell’ariete sacrificato da Abramo nella Bibbia, Dolly deve essere la pecora più famosa del mondo.

La nascita della pecora in un laboratorio di Edimburgo il 5 luglio 1996 è stata una notizia da prima pagina, provocando clamore e strizzacervelli in parti uguali.

Per la maggior parte, la clonazione si è rivelata un vicolo cieco.

Ma c’è un settore in cui l’eredità di Dolly è viva e vegeta: la duplicazione degli animali da riproduzione a premio.

Come aggressivo il settore privato ha sviluppato questo mercato di nicchia è dipeso in gran parte dalle normative nazionali o regionali, con differenze fondamentali tra gli Stati Uniti, la Cina e l’Unione europea.

Avresti potuto benissimo mangiare carne clonata senza saperlo.

Avresti potuto benissimo mangiare carne clonata senza saperlo.Fonte:Fornito

Stati Uniti: APPROVATO dalla FDA

“L’impatto più drammatico della clonazione di Dolly è stato sulla clonazione animale negli Stati Uniti”, ha detto Aaron Levine, esperto di bioetica e clonazione presso Georgia Tech.

Nel 2008, la Food and Drug Administration statunitense ha concluso che “il cibo proveniente da cloni di bovini, suini e caprini è sicuro da mangiare quanto il cibo proveniente da qualsiasi altro bestiame, maiale o capra.”

Nemmeno gli scienziati possono distinguere un clone sano da un animale allevato convenzionalmente, ha detto l’agenzia di regolamentazione.

Non vi sono requisiti per etichettare la carne o il latte di un animale clonato o della sua progenie, venduti sul mercato interno o all’estero.

Per l’industria, l’obiettivo non è mai stato quello di impostare la produzione di catena di montaggio-clonazione è difficile e costoso a più di 10.000 euro ($14.870) un pop, e il tasso di successo basso, con pochi cloni sopravvivere alla nascita.

Quindi l’attenzione, invece, è sulla copia di esemplari geneticamente eccezionali in modo che possano naturalmente generare una progenie eccezionale.

“È abbastanza diffuso negli Stati Uniti usare la clonazione per produrre stock riproduttivi”, ha detto Levine. “Gli animali clonati non sono destinati ad entrare direttamente nella fornitura di cibo.”Ho il sospetto che alcuni possono avere,” ha aggiunto.

Tra i leader nella clonazione commerciale del bestiame negli Stati Uniti ci sono Cyagra, con sede a Elizabethtown, in Pennsylvania, e ViaGen, ad Austin, in Texas.

Almeno una società, ViaGen, fornisce anche servizi per la copia di gatti e cani amati.

Circa 100 dimostranti, organizzati dal fondatore del gelato di Ben e Jerry e da alcuni gruppi per la sicurezza alimentare, protestano contro la posizione della FDA sul consentire l'ingresso nel sistema alimentare americano di carne e latte di mucche clonate. Picture: Chip Somodevilla/Getty Images

Circa 100 manifestanti, organizzati dal fondatore di Ben and Jerry’s ice cream e da alcuni gruppi per la sicurezza alimentare, protestano contro la posizione della FDA di consentire l’ingresso nel sistema alimentare americano di carne e latte di mucche clonate. Immagine: Chip Somodevilla / Getty ImagesSource:AFP

Il primo vitello clonato da cellule di una mucca macellata, presso l'Università della Georgia ad Atene, USA nel 2002. Immagine: AP / Università della Georgia.

Il primo vitello clonato da cellule di una mucca macellata, presso l’Università della Georgia ad Atene, USA nel 2002. Immagine: AP / Università della Georgia.Fonte: AP

LA CINA, LA NUOVA FRONTIERA

Le aziende statunitensi producono in genere centinaia o poche migliaia di cloni all’anno.

La nuova fabbrica di clonazione del gruppo Boyalife vicino alla città costiera settentrionale di Tianjin in Cina, tuttavia, punta a una produzione annua di 100.000 mucche quest’anno, fino a un milione entro il 2020.

Sono in cantiere anche cavalli da corsa purosangue, animali domestici e cani poliziotto specializzati nella ricerca e nel fiuto.

Boyalife ha dichiarato che sta lavorando con il partner sudcoreano Sooam e l’Accademia cinese delle Scienze per migliorare la tecnologia di clonazione dei primati, per creare animali di prova migliori per la ricerca sulle malattie umane.

E a dicembre, lo scienziato capo e amministratore delegato di Boyalife, Xu Xiaochun, ha detto che non avrebbe evitato di clonare gli umani se i regolamenti lo avessero permesso.

Questa foto del file scattata nel dicembre 2006 mostra ricercatori cinesi in possesso di tre maialini clonati presso il laboratorio del college di Harbin, nella provincia nord-orientale cinese di Heilongjiang. Immagine: AFP

Questa foto di file scattata nel dicembre 2006 mostra ricercatori cinesi in possesso di tre suinetti clonati presso il laboratorio del college di Harbin, nella provincia nord-orientale cinese di Heilongjiang. Immagine: AFPSource:AFP

EUROPA FREDDA SULLA CLONAZIONE

Di fronte a una forte opinione pubblica contro la clonazione di qualsiasi tipo, l’Unione europea non consente la pratica in zootecnia.

Ma i funzionari riconoscono che la carne o il latte derivato da vacche con un antenato clonato possono benissimo aver fatto la sua strada sul mercato, sia direttamente importato, ottenuto da un animale vivo importato, o uno allevato a livello nazionale da materiale genetico portato nell’UE.

“Senza saperlo, gli europei probabilmente mangiano carne dai discendenti di cloni che non possono essere rintracciati”, ha detto Pauline Constant, portavoce dell’Ufficio europeo delle associazioni dei consumatori, con sede a Bruxelles.

I funzionari dicono che non sono preoccupati per qualsiasi impatto sulla salute umana. A settembre, il Parlamento europeo ha chiesto a larga maggioranza non solo un divieto per gli animali clonati, ma anche per i prodotti da essi derivati.

La decisione finale spetta alla Commissione europea, che ha assunto una posizione meno rigida.

Argentina, Brasile, Canada e Australia sono tra gli altri paesi che clonano il bestiame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

lg