Stare bene con il silenzio

Cosa fai con quei silenzi scomodi che possono tormentare le interazioni umane?

Quei momenti di “tumbleweed”, quegli “angeli che passano” , quei vuoti completamente imbarazzanti nella conversazione in cui tutti guardano a terra e sperano come pazzi che qualcun altro stia per intervenire?

Oppure improvvisamente inizia a blurting fuori tutto ciò che viene in mente solo per sbarazzarsi del silenzio?

Mai sentire i suoni del silenzio

Per qualche ragione inspiegabile, generalmente troviamo il silenzio difficile da gestire. Ci sentiamo più a nostro agio quando c’è un flusso di suono abbastanza costante, e la nostra cultura ha sviluppato modi notevoli per garantire che praticamente non sperimentiamo mai un vero silenzio per un certo periodo di tempo.

Tutti ascoltano la radio, guardano la TV o sono collegati alle cuffie. Anche il centro commerciale suona musica costante a voi.

E questo senso che il suono dovrebbe essere continuo viene riportato nella conversazione. Una volta che abbiamo iniziato a parlare con gli altri, ci sembra di sentire il bisogno di ‘continuare a parlare’ senza una pausa fino a quando la conversazione è formalmente conclusa.

Un bel po ‘di persone trovano anche’ terminare la conversazione ‘ difficile da fare – perché invita al silenzio.

Come sentirsi più a proprio agio con il silenzio

Ma qualunque sia la ragione della nostra preferenza culturale per il suono rispetto al silenzio, è perfettamente possibile sentirsi più a proprio agio con la gestione dei silenzi che si verificano naturalmente (o intenzionalmente) nelle interazioni con altre persone.

Non devono essere silenzi scomodi (a meno che non si desideri effettivamente renderli così, il che a volte è un obiettivo valido!)

La prima cosa da fare è pensare al ruolo del silenzio nella comunicazione. A cosa serve? Non appena ti fai questa domanda, vedi che il silenzio crea uno spazio, un’apertura, dove qualcosa può accadere.

Il “qualcosa” potrebbe essere l’elaborazione di ciò che è stato ascoltato. O riflessione. O solo un periodo di riposo. O l’opportunità per la conversazione di andare in una nuova direzione. O potrebbe dare enfasi a ciò che viene dopo.

Se ti affretti sempre a riempire quei silenzi scomodi con più parole, prima che una di queste cose possa accadere, la qualità della comunicazione declina. In realtà abbiamo bisogno di tempo per prendere in considerazione ciò che ci viene detto.

Abbiamo bisogno di spazio per pensare alla nostra risposta a ciò che sentiamo. Una buona comunicazione includerà sempre buoni silenzi. Consentire il silenzio, praticarlo, migliorerà la tua comunicazione.

Usare l’ipnosi per sentirsi a proprio agio con parlare e non parlare

La seconda cosa da fare è affrontare i sentimenti scomodi che sono diventati associati a lacune nella conversazione – i sentimenti che ci fanno etichettare questi tempi come silenzi scomodi.

Tali associazioni si sviluppano inconsciamente, e il modo migliore per modificarle è attraverso l’inconscio, che è dove entra in gioco l’ipnosi.

Be Comfortable with Silence è una sessione di ipnosi audio che ti porta in uno stato di profondo rilassamento mentale e fisico e aggira l’analisi cosciente per farti sperimentare come puoi cambiare idea senza nemmeno accorgertene – cioè inconsciamente.

Nel teatro della tua mente inconscia, disallineerai le vecchie associazioni di silenzio e disagio, e proverai come sarà sentirsi a proprio agio con la quiete come con le parole fluenti.

Ciò ti consentirà di stabilire un nuovo modello di comportamento che entrerà automaticamente in azione quando comunichi con gli altri, permettendoti di sentirti a tuo agio sia parlando o in silenzio, sia se gli altri stanno parlando o in silenzio.

Scarica Sii a tuo agio con il silenzio e goditi una nuova libertà e potenza nella tua comunicazione. Puoi ascoltare sul tuo computer o dispositivo o tramite la nostra app gratuita a cui puoi accedere quando hai completato l’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

lg