Le riparazioni auto non hanno sempre lo stesso prezzo; nemmeno quando si tratta esattamente della stessa ripartizione, perché solo a seconda di dove si trova l’officina, il conto può variare in modo significativo. E questa volta ci occupiamo del prezzo di cambiare la cinghia di distribuzione, per guasti che non sono particolarmente economici da risolvere nel nostro veicolo.

La cinghia di distribuzione richiede un cambio periodico a seconda dell’uso. Si consuma progressivamente e la sua usura può causare danni alla testata, alle valvole e persino ai pistoni. E questa usura è più marcata nei motori diesel, mentre le compressioni e le decompressioni cicliche del diesel producono più lavoro.

È necessario verificare le sue condizioni, al più tardi a 80.000 chilometri anche se la sua sostituzione non corrisponde ancora.

¿Qual è il prezzo di cambiare la cinghia di distribuzione?

Come abbiamo avanzato, il prezzo di cambiare la cinghia di distribuzione può essere molto diverso; ma ci sono un certo numero di tassi che possiamo prendere come riferimento. Ad esempio, se anche la pompa dell’acqua deve essere sostituita o meno. E questo è sempre più comune, perché sempre più modelli hanno questo sistema.

Un cambio della cinghia di distribuzione, in base a queste condizioni, ci costerà tra 350 e 450 euro, circa, mentre la sua sostituzione senza pompa dell’acqua sarà un po ‘ più economica. In questo caso il cambiamento avrebbe un prezzo di 250 a 350 euro, circa. E se la modifica non viene effettuata in tempo, altri componenti possono essere danneggiati e la riparazione sarebbe molto più costosa.

Pertanto, si consiglia di effettuare il check-up specifico della cinghia di distribuzione in controlli periodici. In particolare negli 80.000 chilometri, per prevedere la sua manutenzione a circa 120.000 chilometri, che è quando la sua usura sarebbe sufficiente per procedere con il cambiamento.

Manutenzione impropria può influenzare parti critiche del motore della vostra auto.

¿Che cosa è cinghia di distribuzione?

La cinghia dentata, conosciuta anche con altri nomi come cinghia dentata, cinghia dentata o cinghia dentata, è uno dei metodi più comuni nella trasmissione di energia meccanica tra un pignone di trascinamento e uno trainato. È comunemente usato nei motori diesel Otto e quattro tempi, con un sistema di dentatura reciproca sia per la cinghia che per i pignoni.

In questo tipo di meccanica si trova tra l’albero motore e l’albero a camme. Il più comune è che la cinghia di distribuzione è un ‘nastro’ di gomma, dentata, che collega un generatore di movimento con un ricevitore dello stesso per mezzo di pulegge o pignoni. Specificamente per i veicoli, il suo funzionamento si basa sulla trasmissione del movimento dall’albero motore all’albero a camme con un fattore di demoltiplicazione di 1: 2.

La funzione della cinghia di distribuzione è quello di sincronizzare le quattro volte del motore; cioè, l’apertura e la chiusura delle valvole di aspirazione e scarico e la funzione di accensione del motore. Non importa se è la candela o la temporizzazione degli iniettori diesel. A seconda del tipo di motore può variare nella sua forma, materiale e lunghezza e, come abbiamo avanzato, in molti casi può anche trascinare la pompa del liquido di raffreddamento e la pompa dell’olio motore.

Nei motori diesel, la cinghia di distribuzione è sottoposta a maggiore stress.

Altri componenti relativi alla cinghia di distribuzione

Non solo è il kit pompa acqua collegato ad esso, in molti dei modelli attuali, ma altri componenti come tendicinghia, per esempio. Se dobbiamo cambiare queste parti, accanto alle cinghie ausiliarie, allora il prezzo dello stesso cambio della cinghia di distribuzione può spararci da 200 a 250 euro aggiuntivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

lg